Ultime notizie dal Blog di Copyr

L'orto

Difendete i cavolfiori dagli insetti!

pubblicato il 02.12.2016

Pochi sono gli ortaggi presenti nell’orto in questo periodo, ma sotto un tunnel, protetti dal freddo, è comunque possibile coltivare insalate, lattughe, cavoli e cavolfiori. Attenzione però che, anche in questo periodo freddo, soprattutto sotto i tunnel e nelle prime giornate assolate, iniziano a risvegliarsi dal torpore invernale insetti dannosi che mettono a rischio la salute dei vostri ortaggi!
La Minatrice delle brassicaceae, ad esempio (Phytomyza atricornis), è un insetto dittero le cui larve sono particolarmente ghiotte delle foglie delle brassicaceae, famiglia alla quale appartengono cavoli, verze e cavolfiori. Sono larve lunghe fino a 8 cm che scavano lunghe gallerie sinuose all’interno dei tessuti delle foglie, andando a rovinare il raccolto. E’ un insetto particolarmente attivo, che compie fino a 6 generazioni l’anno, deponendo le uova all’interno dei tessuti delle foglie dei cavoli; dalle uova nascono le larve, che si sviluppano nutrendosi delle foglie, scavando le gallerie come appena descritto.
Per proteggere i vostri cavoli da questi e da altri insetti, utilizzate prodotti a base di piretro, sicuri e molto efficaci. Chiedete un consiglio all’agronomo di Copyr se avete dei dubbi sull’utilizzo del prodotto.

Peperoncino, è ora il momento di raccoglierlo per essiccarlo

pubblicato il 14.10.2016

Alternaria su pomodoro

pubblicato il 15.09.2016

Le stagioni

Eriche e callune

pubblicato il 24.11.2016

Sono tra le poche piante che fioriscono in questo periodo tardo autunnale, molto apprezzate e utilizzate per colorare aiuole e davanzali per tutto l’inverno. Le eriche (appartenenti ai generi Erica e Calluna) sono piccoli arbusti sempreverdi, con esili foglioline aghiformi, rustiche e resistenti al freddo. Sono molto facili da coltivare, poiché hanno poche esigenze e difficilmente si ammalano.
Producono piccoli fiorellini di colore variabile dal bianco al rosa, viola e rosso porpora, ravvivando le fioriere in questo periodo freddo, magari accostate a ciclamini ed ellebori, rari fiori che sbocciano in inverno.
Per la loro coltivazione, ricordiamoci che le eriche vogliono un terriccio a reazione acida, leggero e ben drenato; eccessi o ristagni idrici nel terreno, infatti, possono essere dannosi e provocare lo sviluppo di malattie fungine con conseguenti marciumi radicali o nella zona basale della pianta a livello del colletto. Per evitare questo inconveniente, le bagnature vanno moderate, intervenendo, nelle ore meno fredde del giorno, solo quando il terreno si è asciugato, senza esagerare né scarseggiare.
Le eriche sono molto resistenti al freddo e possono essere tranquillamente coltivate all’esterno in inverno, sopportando temperature di pochi gradi sotto lo zero, in vaso o in piena terra, purchè sia una zona ben luminosa.
Per proteggere le eriche dallo sviluppo di malattie fungine, utilizzate un prodotto ad azione preventiva, oltre che curativa; Fungicida Garden, spruzzato su tutta la pianta, aiuta ad evitare che si sviluppino muffa grigia o altre malattie provocate da eccessi di umidità, che danneggiano le piantine in maniera grave.
Chiedete consiglio all’agronomo online!

La fioritura delle settembrine

pubblicato il 26.09.2016

Ottobre: è tempo di castagne!

pubblicato il 21.10.2015

Il frutteto

Azzeruolo

pubblicato il 18.11.2016

Avete mai visto una pianta di Azzeruolo? Pianta rara e poco considerata, dal nome un po’ buffo, l’Azzeruolo, Crataegus azarolus (famiglia delle rosaceae) produce piccoli frutti simili a mele, bitorzoluti, del diametro variabile dai 2 ai 4cm, di colore giallo o tendente al rosso, la cui polpa contiene fino a 5 semini. Poco coltivato, l’azzeruolo si trova prevalentemente allo stato spontaneo, in zone collinari esposte e luminose.
La pianta non si sviluppa molto, ha portamento cespuglioso e può raggiungere un’altezza massima di 8m; ha una chioma espansa con foglie caduche di forma ovale con due piccole stipole alla base. In primavera la chioma si ricopre di piccoli fiori bianchi, raggruppati in infiorescenze a corimbo, dai quali si formeranno i frutti, che maturano in tarda estate.
I frutti vengono consumati preferibilmente trasformati in confetture, meno allo stato fresco, per il loro sapore leggermente acidulo.
L’azzeruolo è una pianta molto rustica e resistente, di facile coltivazione e che difficilmente si ammala. Attenzione solo alla presenza di insetti quali afidi, che frequentemente attaccano queste piante, e a malattie batteriche come il Colpo di fuoco, in grado di danneggiare repentinamente l’intera pianta se non presa in tempo con le opportune cure. Consultate le pagine di questo sito e l’agronomo online per avere ulteriori consigli.

Mettere a dimora un albero da frutto

pubblicato il 10.11.2016

Le giuggiole

pubblicato il 19.10.2016

Piante da Appartamento

Nutrire le piante di casa… Fortyl Bellezza

pubblicato il 03.11.2016

Le piante di casa sono le uniche che ci regalano soddisfazioni durante il periodo freddo invernale, con il loro bel fogliame verde e l’aspetto rigoglioso. Non sempre però riusciamo ad ottenere un buon effetto, per motivi diversi: le condizioni di casa non sempre sono quelle ottimali, per scarsità di luce, termosifoni accesi, polvere o altri fattori. Le piante d’appartamento, inoltre, sono costrette a vivere in vasi spesso troppo stretti o con terriccio impoverito… come fare per aiutarle a riacquistare bellezza? Cerchiamo sempre di metterle nelle condizioni ideali alla loro crescita, in una posizione luminosa e lontane da fonti di calore o spifferi d’aria; in autunno, quando le riportiamo in casa, rinvasiamole, rinnovando il terriccio con uno nuovo e fertile; diamo loro l’acqua necessaria, in maniera moderata, né troppa né scarsa; abbiamo cura del loro aspetto estetico, pulendo le foglie dalla polvere accumulata con un panno morbido, o utilizzando un apposito lucidante fogliare; controlliamo sempre che non siano state colpite da insetti fastidiosi, quali cocciniglie o altro. Per nutrirle e rinvigorirle, inoltre, forniamo loro un buon fertilizzante: Fortyl Bellezza, è un prodotto ricco di nutrienti necessari alla bellezza delle piante ornamentali, azoto, lignosulfonati ed altri elementi minori. Questo prodotto aiuterà a rendere le foglie più verdi e rigogliose, donando splendore alle piante. La formulazione liquida di Fortyl Bellezza permette di applicarlo tramite innaffiatura al terreno, oppure spruzzato direttamente sulle foglie delle piante da trattare.

Piante da frutto: cosa scegliere e come mettere a dimora!

pubblicato il 03.10.2015

Attenti agli acari sulle vostre piante verdi

pubblicato il 17.01.2015

Chiedi all'agronomo

Chiedi un consiglio al
nostro agronomo,
ti risponderà al più presto!

Il servizio è completamente gratuito, puoi effettuare una richiesta o inviarci una foto. clicca qui!

Ultime dal forum di Copyr Giardinaggio

Ezio Pecchiari
28.11.2016
Gent. Agronomo In una foglia di una phalenopsis si sono formate delle deformazioni (incavature anne...
Ezio Pecchiari
24.11.2016
Gent. agronomo le invio foto delle nuove foglie del mio limone, che circa un mese fa ha fatto tanti...
Ezio Pecchiari
24.11.2016
Seconda foto
"Ricordati di..." è un rubrica dedicata interamente a consigli utili per la difesa e la cura delle tue piante. Segui i consigli del nostro agronomo per mantenere le tue pianti belle e forti.
Dicembre
Soluzioni per
Cocciniglie
Olio minerale
Olio mineralevai alla scheda